RISOLUZIONE ADOTTATA DA ALCUNI COMONTISTI RIUNITI FESTOSAMENTE IN FIRENZE DURANTE IL PERIODO PASQUALE DELL'ANNO 1972 ================

Non ci interessa ripetere un discorso analitico di critica della religione e di conseguenza della Pasqua che ne costituisce uno dei momenti più celebrati e spettacolari, non ci interressa poiché già altri prima di noi, e correttamente , si sono accollati il piacevole compito di smascherarne la funzione storica in quanto proiezione del piacere possibile in un mondo metafisico astratto dalla comunità umana, e perciò fondato sul mito, sull'illusione, sulla speranza.
Quello che invece ci preme è individuare l'uso che la società presente fa di ciò che ormai costituisce un epifenomeno del dominio del capitale, cioè dell'ideologia separata religiosa e delle "feste" ad essa concernenti.
Nel contesto dell'attuale processo di sviluppo dell'organizzazione oppressiva del capitale la religione rappresentata dalle varie chiese-società per azioni che ne costituiscono la materializzazione terrena, è ormai scesa al pari di tute l e società per azioni politiche ed economiche, al livello di bande rackettiste ugualmente impegnate nella produzione-circolazione-controllo di merci e ideologie.
Il vecchio mostro capitale, mentre l'umanità sta superando la fase del dominio dell'ideologia religiosa, continua a servirsene sia rendendo religiosa ogni ideologia (carattere di feticcio della merce e dell'ideologia materializzata) sia utilizzando la religione come pretesto la suddivisione razionale tra tempo di produzione e cosiddetto tempo libero.
Le "vacanze", che spesso trovano la loro giustificazione ideologico-spettacolare per l'appunto nella religione, hanno un significato per preciso nel quadro del tempo programmato capitalisticamente. Esse da un lato servono al premio-riposo per il tranquillo cittadino (cioè ordinato produttore-consumatore) dall'altro sono un momento specifico della produzione di merci ideologiche (cioè legate al concetto steso di "festività") dall'altro ancora rappresentano una fase importante del processo di circolazione e consumo non solo di merci ideologiche ma anche di ideologie materializzate (turismo, picnic, pranzi familiari etc.).
Ecco finalmente la realizzazione del progetto totalitario che la religione non è mai riuscita a realizzare, cioè il dominio complessivo sull'esistenza degli individui, nel lavoro come nel "tempo libero".
Ecco finalmente la materializzazione del dio putrefatto della religione, spacciato come il piacere sempre negato: LA MERCE.
Come un tempo si ricorreva al paradiso per sperare tutto ciò che era negato nella vita quotidiana, così oggi la merce si pone come pseudo soddisfazione del del bisogno frustrato di comunità realmente umana.
La critica della religione della merce (e dei suoi profeti: lavoro ed ideologia) è il preliminare di ogni critica.

I COMONTISTI AGLI OTTENEBRATI PASQUALI ===============================

Ehilà, brava gente, siete riusciti ad organizzarvi ancora una Pasqua (santa) in santa pace! A farvi gli sporchi affari vostri riuscendo ad annoiarvi ancora una volta, utilizzando le giornate di "festa" dal lavoro pr commettere nuovi lavori altrettanto degradanti (messe - in culo - collettive a mezzogiorno, uova di Pasqua con "sorprese" talmente scontate da rischiare quasi l'originalità, partite a carte tra personaggi assolutamente scartabili, picnic con tutta la famiglia scazzatissima, etc.)
Insomma sembra riuscito il programma del capitale, cioè di rendervi dei servi sciocchi che si "divertono" a bacchetta nelle feste comandate.
MA NON ILLUDETEVI. Non sperate in tante pasque e tanti natali (per non parlare delle vostre losche vacanze estive al mare di merda) in cui potrete sfogare le vostre turpitudini istituzionalizzate.
C'e' della GENTAGLIA che non tollera più le feste a date fisse con noie fisse.
C'e' della GENTAGLIA che, non rispettando il lavoro, non rispetta nemmeno gli pseudodivertimenti dopolavoristici.
C'e' della GENTAGLIA che vuole realizzare il piacere assoluto sempre.
C'e' della GENTAGLIA che prende i propri desideri per realtà e comincia a praticare la resurrezione concreta della carne contro la crocifissione capitalista.
IL MIO COMPITO STORICO E' ORMAI CONCLUSO, IL DOMINIO DELLA MERCE , QUESTA NUOVA FORMA DI  FELICITA' ILLUSORIA MI  STA SOSTITUENDO COMPLETAMENTEC'e' della GENTAGLIA che sta preparando la rivoluzione.
C'e' della GENTAGLIA che vi obbligherà alla festa continua rivoluzionaria, o a sparire.
C'e' della GENTAGLIA che sta già distribuendovi QUESTI volantini.
Consumate in fretta il vostro sacrificio pasquale prima che la rivoluzione ve lo trasformi sotto il naso nella felicità continuata. Strappate in fretta questo volantino prima che questo volantino vi strappi dalla vostra noiosa "tranquillità".
ATTENZIONE!
Non intendiamo solo scacciare i mercanti dal tempio, ma distruggere tutti i templi del vero dio: la merce. La prossima Pasqua la santificheremo in modo ancora più empio, praticando maggiormente la gioia rivoluzionaria che ora stiamo iniziando.

I COMONTISTI

Cicl. In pr. FI 2.4.72

 

 

| Il volantino originale | Back | Home |