Facciamola finita col mondo delle merci
Costruiamo la comunità umana

Hop Frog

2 volantini comontisti sulla mercificazione
ottobre 1972

versione testo

FACCIAMOLA FINITA COL MONDO DELLE MERCI-COSTRUIAMO LA COMUNITA' UMANA

Usciamo dai ghetti che il capitale ci costruisce attorno. La nostra passività è il cemento che ancora sostiene l'edificio barcollante. Rifiutiamo per sempre le false alternative gentilmente offerte dalla Ditta:

-la politica, che altro non è se non il pubblico osceno dei capi merdosi di domani, la masturbazione perenne che nello spettacolo delle miserie generali, nasconde le nostre e ce le amministra. Usciamo dai luridi cessi dell'intellettualismo degli sceMi, COMINCIAMO A VIVERE distruggendo tutte le IMMAGINI-RUOLI ed i loro amministratori “sapienti”.

-la triste farsa della bara-A-DUE-O-PIU'-PIAZZE, l'isolamento dei “sentimenti”, che altro non è se non l'ibernazione perpetua dei nostri desideri in ghiacciaie compiacenti. In esse, l'incapacità a riconoscere nell'altro qualcosa di più dell'OGGETTO, presupPosto e prodotto essenziale dei rapporti socialmente permessi, diventa la “normalità” amministrata e coltivata.

-i ghetti sessuali (femminismo, omo-etero-sessualismi...), che, nella falsa immagine di una liberazione parziale, racchiudono e soffocano la possibilità dell'emancipazione totale.

Per la disumanità del Capitale-Uomo, per l'”amore” cieco e pietrificante fra merci, l'AMORE DESIDERIO rivoluzionario è totalmente incomprensibile (non recuperabile) E' IL CRIMINE DEL PIACERE E IL PIACERE DEL CRIMINE RIVOLUZIONARIO!!!

NON facciamoci più imporre i luoghi, i tempi, i modi della prassi mortale del mondo mercantile, usciamo fuori dalle nostre immagini-ruoli, ritroviamo nella CREATIVITA' SFRENATA delle situazioni che sapremo e vorremo creare la ragione unica del nostro essere: IL PIACERE SFRENATO.

Troviamoci FUORI e CONTRO le scuole e i luoghi di lavoro.

Creiamo nella STRADE la NOSTRA COMUNITA', negazione violenta di quella esistente.

Solo nella continuità del rapporto rivoluzionario e nella sua realizzazione coerente sarà possibile ritrovare l'essenzialità della nostra esistenza.

 

HOP FROG

Il mercato delle vacche continua. Chiusi nell'immobilità di RUOLI-Bare, le MERCI-UMANE sfilano intoccabili lungo i marciapiedi. Da una parte, confezioni splendenti racchiudono il VUOTO, fra tette-coscie di plastica, chiedendo per sé il prezzo più alto, mercato permettendo. La “bellezza” estatica della MORTE raggiunge l'apice nel trionfo dell'inorganico sull'umano. Trucchi, nylon, vestiti, avvolgono in un abbraccio perenne. La carne è intoccabile (lo sarà ancora per poco). Solo l'apparenza, la forma divenuta contenuto, ha diritto di esistere in un mondo che allontana da sé la vita vedendo in essa il pericolo della sua distruzione. Dall'altra parte, i miti virili pagano la propria affermazione negando l'esistenza all'uomo, inventando il MASCHIO e conquistando nidi-tomba in cui giocare per sempre la macabra farsa dei “sentimenti”.

Oggi, l'unico rapporto permesso all'interno del regno dell'economia, è il reciproco scambio ed acquisito. La mia morte mi acquista il diritto eterno sulla tua. CREPATE finalmente vecchie baldracche & squallidi play-boy. Non ci interessano le vostre luride merci, né siamo più disposti a pagare alcun prezzo per la paraffina che vi riempie i cervelli.

--

>>anastatica>>