Il provocatore Giorgio Rosario Mondì

comunicato libreria La vecchia talpa
Milano 13/10/1971

Commento di Joe:
Il volantino fu scritto da me immediatamente dopo un VERO tentativo di infiltrazione-provocazione subìto e sventato. Durante il 1971 ebbi a Milano, in corso Garibaldi 44, una libreria, La Vecchia Talpa, che rappresentò anche la prosecuzione sui generis delle mie (nostre) attività rivoluzionarie del 69-70 e riuscì a sopravvivere solo, anch'essa, poco più di un anno (quel che rimase del materiale lo passai al mio amico Primo Moroni - costituì la base del settore "radicale" della Calusca). Tenevamo quasi unicamente libri, riviste e opuscoli di estrema sinistra antistalinista. La libreria rappresentò, logicamente, un punto d'incontro di vari compagni anarchici (ricordo Steve, Del Grosso) e dell'ex-Ludd (Roby Ginosa, per esempio). A una certa epoca, com'è scritto nel volantino, giunse quell'anima nera, SICURAMENTE inviatoci dalle forze statali. L'unica cosa che mi rincresce, e non poco, è che, nell'urgenza di "far pulizia" e sventare possibili provocazioni anche peggiori, accomunai (accomunammo) al nome di costui come suo "collaboratore", quasi fosse anch'egli senz'altro un infiltrato, un ragazzo di Parma, "Emiliano", che invece, me ne convinsi poi, era stato solo plagiato dal Mondì. Cosa che successe d'altronde anche a qualcun altro del nostro giro a Milano senza tuttavia condurre a nessun esito catastrofico, perché l'infame, prima che accadessero fatti irreparabili, venne alla fine individuato e allontanato per sempre, durante una notte di tregenda ancora vivissima nel mio ricordo e, ne sono certo, anche in quello di Roby.