Riccardo D'Este

QUEL RAMO DELL'AGO DI NARCO
la Droga e il suo Diritto


Riccardo d'Este
Gabriele Pagella

Restituire alla merce droga il significato che le pertiene nel contesto sociale neomoderno: merce con il più alto tasso di autovalorizzazione. Disvelarne la funzione all'interno della riproduzione del capitale e quindi uscire, dalle gabbie ipocrite e mistificatorie dei recuperatori, legalizzatori e operatori del settore. Speculatori, questi, che sulla droga e sui suoi rimedi ci lucrano ipostatizzando l'esistente. Stupefacente sarebbe farli scomparire.
E con loro l'esistente stesso.

 

Stampato per conto di
QUATTROCENTOQUINDICI
nel gennaio 1993

NO COPYRIGHT

Tutti i testi pubblicati per 415 possono essere liberamente tradotti, riprodotti o adattati anche senza indicazione d'origine.
(fonte digitale: http://digilander.libero.it/taoagi/)

 


Indice
QUANDO UNA SERA DI GIUGNO
PREMESSA
ALCUNE TESI INTERPRETATIVE SUL DRAGO
DEL DRAGO E DELLA SUA DRACONIANA PERSECUZIONE
LEGALIZZAZIONE PARADIGMA DELLA SIMULAZIONE IDEOLOGICA
IL PROIBIZIONISMO FRUTTO DELLE SPECULAZIONI DELLA SCIENZA E DELL'ESPROPRIAZIONE DEL SENSO
IL BALLETTO IMMOBILE


"Che se la voce tua sarà molesta nel primo gusto, vital nutrimento lascerà poi, quando sarà digesta"

Dante, Paradiso

 

QUANDO UNA SERA DI GIUGNO

Quando una sera di giugno
due poliziotti ti rincorsero lungo lungo il Po
riuscisti a scappare correndo
sino a farti esplodere fiato e polmoni;
quando quei giudici volevano interrogarti
e sapere e cosa e come e chi e perché
levasti le tende della tua vita
rifugiandoti al mare senza alcuna risposta;
quando i preti ti accerchiarono
ed erano tanti e spesso anche invisibili
con un balzo prodigioso ti desti all'eclisse
al silenzio delle case rumorosamente
televisate ed incomunicabilmente serrate;
quando ti cercarono i dottori
i lorsignori, i cofattori, i malfattori
ti nascondesti nel buio della candida
animuccia tua tutta impolverata
e non ti trovarono no non ti trovarono.
Ma l'animale dorme e ti colsero nel sonno
parlandoti di ideologie superbe di miti grandiosi
ti colsero nel sonno della ragione
e fu il tuo errore: ritornasti in famiglia.
La famiglia che è ovunque e che o
si spacca o
si spara.

Goffredo Firmin, Opus

 

Indice


nelvento.net - webmaster